° 1997 Pakistan Cina Italia
° 2000 Samarcanda Assisi
° 2000 Tunisia off road
° 2001 Italia Cina Italia
° 2002 Italia Giordania Italia
° 2004 Libia Akakus
° 2005 New York
° 2005 Linosa
° 2006 Suzuki Jimmy off road
° 2006 Turchia Georgia Armenia
° 2007 Libia Erg Murzuk
° 2009 Turchia Georgia
° 2010 Tunisia off road
° 2010 Italia Tajikistan Italia
° 2011 La Via del Sale
° 2012 Italia Capo Nord Italia
° 2013 Italia Mongolia Italia

regalavo loro piccoli giocattoli appositamente messi da parte da me per un anno intero, o il terrore negli occhi di altri (questo nelle città) semplicemente chiamandoli. Allora mi potreste dire: perché presentare questo scritto su di un giornale che fa dell'estremo e del limite il suo pane? (Questo scritto è stato pubblicato su No Limits World n°71 del marzo 1999 ).

Ma il limite non è solo fisico, il limite è anche vedere come si è dopo un' esperienza di questo genere, il rendersi conto di quanto abbiamo rispetto ad altri e di quanto spesso siamo noi i primi a crearci problemi dei quali poi lamentarsi!

E allora sotto, si comincia!

Due giorni ad Islamabad tra una firma ed un'altra per poter sdoganare la moto, spedita per via aerea: 2.200 lire per chilo. Parto per Peshawar e il monsone scarica in buona parte la sua potenza. Piove, ma veramente. Chi l'ha vista sa cosa è una pioggia monsonica: cascate d'acqua, fango e buio, alcune volte si vede si e no ad un metro.

SHANGLA PASS (Nord Pakistan)
260 chilometri, 9 ore, sembravano di più!
Stanno rifacendo lunghi tratti di strada per cui saltano tutti i sensi di marcia che qui sarebbe a sinistra. Biciclette, camion, automobili, animali, tutti insieme e in tutte le direzioni.
In alcuni lunghi tratti il fango invade completamente la strada, in altri corsi d'acqua l'attraversano trasversalmente, in altri ancora la strada non esiste più.
La via ormai è un canale di fango. Ciottoli grossi come zucche cadono dalle pareti della montagna, a destra lo strapiombo: è qui che ho pensato di avere esagerato.
Completamente fradicio non posso fare altro che provare ad andare avanti. L'acqua picchia forte sugli occhi. Le buche, voragini, sono nascoste dal fango. Arrivo al passo viaggiando attraverso nuvole nere. Inizia la discesa: dopo un'ora sono completamente asciutto, l'altra valle non risente del monsone.
Oggi avrei voluto un po' dell'acqua di ieri, clima e panorama sono completamente cambiati.
Caldo, tanto, ma secco: montagne aride fatte di sabbia e

1 2 3 4 5 6 7 8 Grazie

Galleria index contatti links poesie sufi varie guestbook guestbook gioiellietnici stoners